Questo sito non utilizza cookie propri di profilazione ma utilizza cookie di terze parti (altri siti). Se vuoi saperne di più clicca qui.
Se prosegui cliccando sul bottone continua acconsenti all’uso dei cookie.

Continua
Glossario

Il glossario Monety contiene più di 250 voci relative ai mutui, ai prestiti e finanziamenti immobiliari.
Insieme alla Guida ai mutui il nostro Glossario rappresenta un utile strumento per conoscere e meglio comprendere molti
termini specifici del settore, che spesso risultano poco conosciuti e di difficile interpretazione.
Invitiamo chi volesse chiarire o approfondire alcuni termini del Glossario a inviare il proprio quesito all’Esperto Monety,
riceverà una risposta via e-mail. I quesiti più interessanti saranno inoltre pubblicati on line.

PIGNORAMENTO

L’espropriazione forzata inizia con il pignoramento e cioè con l’ingiunzione che l’ufficiale giudiziario fa al debitore, previa indicazione esatta del credito e dei beni che vengono assoggettati ad espropriazione, di astenersi da qualunque atto diretto a sottrarre al creditore la garanzia prestata. E’ evidente come di fatto il pignoramento sia un atto ufficiale finalizzato a sottrarre al debitore la libera disponibilità dei beni che potrebbero garantire al creditore il soddisfacimento del proprio credito. Il creditore può scegliere liberamente i beni da pignorare, siano essi mobili o immobili, l’unica eccezione a tale facoltà è prevista dal legislatore nell’ipotesi in cui questi sia titolare di pegno o ipoteca, nel qual caso egli non può pignorare altri beni del debitore se non sottopone ad esecuzione i beni gravati da pegno, ipoteca o privilegio. Si tratta di una procedura giudiziale complessa che può concludersi, nel caso per esempio di pignoramento immobiliare, con la vendita forzata (c.d. vendita all’asta) del bene pignorato e l’assegnazione al creditore della somma ricavata (o, in alternativa, in caso di esito negativo della vendita all’asta e previa istanza del creditore, con l’assegnazione in proprietà del bene immobile pignorato). La distribuzione della somma ricavata rappresenta la fase finale del pignoramento e consiste nell’assegnazione al creditore (o ripartizione del ricavato se vi sono più creditori) della somma ricavata dalla vendita forzata in pagamento di quanto spetta al medesimo per capitale, interessi e spese. Può accedere, tuttavia, che più creditori intervengano nella procedura esecutiva attivata col pignoramento: in tal caso dovrà essere predisposto un piano di riparto che attribuirà il ricavato in base a delle regole di “preferenza” del credito individuate dal legislatore. Nel nostro ordinamento vige, infatti, il principio della c.d. par condicio creditorum, secondo il quale tutti i creditori hanno uguale diritto di soddisfarsi su tutti i beni del comune creditore. La par condicio è, tuttavia, derogata se sussiste a favore di un creditore una legittima causa di prelazione e cioè una preferenza che le legge accorda al medesimo in considerazione della particolare natura o causa del credito. Le cause legittime di prelazione sono i privilegi, il pegno e l’ipoteca.