Questo sito non utilizza cookie propri di profilazione ma utilizza cookie di terze parti (altri siti). Se vuoi saperne di più clicca qui.
Se prosegui cliccando sul bottone continua acconsenti all’uso dei cookie.

Continua
Guida ai mutui online

Una guida adatta anche ai meno esperti per orientarsi nel mondo dei mutui e della casa

I Mutui in valuta estera

I mutui in valuta possono offrire tassi d’interesse più convenienti rispetto all’euro

Fare un mutuo in valuta estera in Italia è possibile, non è necessario rivolgersi ad una banca estera ma può essere richiesto direttamente ad alcuni Istituti bancari italiani che offrono tale prodotto finanziario.

La convenienza deve essere valutata comparando i tassi applicati nella cosiddetta area Euro rispetto a paesi che non vi aderiscono, dato che la politica monetaria di questi ultimi può differire da quella della BCE.

È però necessario essere molto prudenti, i mutui in valuta estera vanno rimborsati con la stessa valuta prescelta e sono perciò soggetti al rischio delle oscillazioni dei cambi monetari.

Ad ogni scadenza di rata, se non si dispone della valuta estera appropriata, è necessario provvedere al cambio dell’Euro con l’aggravio dei costi di cambio.

Per tale motivo i mutui in valuta possono essere una opportunità ma anche un rischio, in caso di rivalutazione della valuta prescelta il capitale residuo sarebbe incrementato dal cambio in Euro e per questo, a nostro avviso, sono consigliati esclusivamente a chi percepisce un reddito nella stessa valuta estera prescelta, così da rendere meno pressante il rischio di cambio.

I mutui in valuta vengono richiesti frequentemente da lavoratori frontalieri, che lavorando in paesi confinanti con l’area Euro  percepiscono i redditi in valuta e sono concessi ad un tasso variabile.

I mutui in valuta più diffusi, utilizzati dai lavoratori frontalieri nel Nord Italia, sono i mutui in Franchi Svizzeri (CHF) indicizzati al tasso Libor - London Interbanc Offered Rate - che viene quotato a 1 - 3 - 6 - 12 mesi.