Questo sito non utilizza cookie propri di profilazione ma utilizza cookie di terze parti (altri siti). Se vuoi saperne di più clicca qui.
Se prosegui cliccando sul bottone continua acconsenti all’uso dei cookie.

Continua
Guida ai mutui online

Una guida adatta anche ai meno esperti per orientarsi nel mondo dei mutui e della casa

Il tasso a regime di un mutuo

Perché è importante il tasso a regime

La  Guida Mutuicom è nata con l’intento di dare chiarezza sui mutui e sui tassi d’interesse e quello del tasso a regime del mutuo è un tema chiave, perché l’utente possa avere ben chiari quali siano i parametri da considerare nella scelta del mutuo.

Direttamente correlati a questo argomento sono il tasso d’ingresso e il rischio che tale tasso possa essere confuso con il tasso a regime. Ti invitiamo a prestare molta attenzione e a distinguere le due tipologie di tasso d’interesse.

Il tasso a regime, lo dice la parola stessa, è il tasso reale, il vero tasso che sarà applicato dalla banca nel corso del mutuo.

Nei mutui a tasso fisso il tasso a regime è predeterminato contestualmente alla stipula del mutuo, nella misura del tasso di riferimento Eurirs opportunamente aumentato dello spread e la rata che ne consegue è definitiva e non soggetta a variazioni.

Nei mutui a tasso variabile invece il tasso a regime non è fisso ma viene calcolato di volta in volta in base ai parametri previsti nel contratto di mutuo.

Nel contratto di mutuo è infatti stabilito con precisione a quali parametri tale tasso andrà indicizzato quando giungerà a regime.

Il tasso a regime per i mutui a tassi variabili è dato dal parametro di indicizzazione (attualmente l’Euribor o il tasso BCE) aumentati dello spread definito dalla banca.