Questo sito non utilizza cookie propri di profilazione ma utilizza cookie di terze parti (altri siti). Se vuoi saperne di più clicca qui.
Se prosegui cliccando sul bottone continua acconsenti all’uso dei cookie.

Continua
Guida ai mutui online

Una guida adatta anche ai meno esperti per orientarsi nel mondo dei mutui e della casa

Il tasso di interesse del mutuo

Cos’è il tasso d’interesse

Il tasso d’interesse del mutuo è l’elemento basilare per il computo della rata del mutuo, è la percentuale di calcolo che definisce l’ammontare degli interessi da pagare alla banca per il prestito ottenuto.

Come è noto la rata di rimborso di un mutuo è formata da

  • quota di ammortamento (rimborso) del capitale mutuato
  • quota di interessi sul mutuo
  • spese di incasso o assicurative.

Il contratto di mutuo predefinisce il metodo di calcolo della rata di rimborso e il tasso d’interesse è nella rata l’elemento fondamentale che ne determina il valore e (nei mutui a tasso variabile) la sua eventuale variazione.
Infatti le altre componenti del calcolo matematico della rata sono in genere fisse, prestabilite nel contratto, mentre il tasso è l’elemento variabile che ne determinerà il cambiamento a seconda dell’andamento del mercato finanziario.

Il tasso di interesse da applicare al mutuo viene determinato in base alla scelta del tipo di tasso, scelta che individua il tasso di riferimento al quale dovrà essere aggiunto lo spread stabilito dalla banca

Quindi il tasso d’interesse o meglio il tipo di tasso d’interesse applicato al mutuo è l’elemento di scelta principe nella decisione di aprire un mutuo, l’elemento che potrà determinare, nell’arco del periodo di rimborso, una più o meno onerosa rata da pagare.

Quando il tasso è fisso la rata viene determinata il giorno della sottoscrizione del contratto di mutuo, e rimarrà invariata fino al termine del rimborso.

Quando invece la scelta cade sul tasso variabile il contratto di mutuo conterrà le indicazioni per il calcolo della rata ed essa potrà variare periodicamente aumentando o diminuendo nel corso della durata del mutuo.

In genere la rata del mutuo a tasso fisso appare più onerosa rispetto al tasso variabile, ma la rata variabile è soggetta alla volatilità del mercato e, come si è verificato nel recente passato, può a volte subire incrementi notevoli.

Le banche offrono, nell’ambito dei mutui a tasso fisso o variabile, delle proposte che vanno a modificare ed attenuare i risvolti più negativi.