Questo sito non utilizza cookie propri di profilazione ma utilizza cookie di terze parti (altri siti). Se vuoi saperne di più clicca qui.
Se prosegui cliccando sul bottone continua acconsenti all’uso dei cookie.

Continua
Guida ai mutui online

Una guida adatta anche ai meno esperti per orientarsi nel mondo dei mutui e della casa

Mutuo per acquisto della prima casa

Una scelta importante

L’acquisto della prima casa è uno dei momenti economici più importanti e delicati per una persona o per la famiglia. Nella maggior parte dei casi chi acquista la prima casa farà ricorso ad un mutuo, perciò i mutui prima casa sono in assoluto i più richiesti dalla clientela.

Mutuicom offre ai richiedenti la possibilità di comparare una vasta gamma di proposte finanziarie e di opzioni, sia in relazione al metodo di rimborso del prestito che al tasso d’interesse applicato.

È perciò possibile scegliere tra tutti i generi di tassi d’interesse (mutuo a tasso fisso, mutuo a tasso variabile, mutuo variabile a rata costante, mutuo con CAP, mutuo a tasso BCE) per durate che arrivano fino a 50 anni.

L’accensione di un mutuo prima casa è insomma un’ottima alternativa all’affitto, e consente, di divenire proprietari della propria abitazione pagando una rata di mutuo che risulta spesso essere di poco superiore al canone d’affitto mensile.

Ma come destreggiarsi tra i vari tipi di tassi? È meglio scegliere il tasso fisso o il tasso variabile per i mutui prima casa?

Non esiste una risposta universalmente valida, ognuno dovrà scegliere in base alle sue esigenze e alle proprie caratteristiche reddituali, Mutuicom cercherà di fornire tutte le informazioni e i suggerimenti tramite questa guida.

Per poter scegliere è necessario comprendere quali siano le proprie esigenze e priorità (sicurezza, risparmio, versatilità), conoscere la propria capacità di rimborso, le caratteristiche economiche, il tipo di lavoro svolto (autonomo o dipendente) e altri fattori che possono influenzare nel tempo la propria situazione famigliare ed economica per capire quale sia la più adatta tra le molteplici proposte di mutuo offerte dagli istituti di credito.

Perciò un lavoratore dipendente sarà più propenso a scegliere per la prima casa un mutuo a tasso fisso, un po’ più oneroso ma che garantisce un piano di rimborso predefinito ed esente da rischi, oppure attratto dal momento particolarmente favorevole potrà scegliere un mutuo a tasso variabile, oggi molto meno costoso, ma con la consapevolezza che potrà col passare degli anni subire oscillazioni, in diminuzione ma anche in aumento, del tasso d’interesse e quindi della rata. Oppure potrà scegliere di ridurre il rischio di un aumento imprevedibile della rata del mutuo prima casa a tasso variabile attraverso alcune tipologie di mutuo specifiche.

Un importante vantaggio per chi decide di acquistare la prima abitazione sottoscrivendo un mutuo è dato dalla possibilità di ottenere specifici benefici fiscali e agevolazioni, in particolare la
detraibilità di una parte degli interessi pagati per il rimborso della rata del mutuo dalla dichiarazione dei redditi.

Inoltre con il D.L. 93/2008 è stata abolita l’ICI per gli immobili adibiti ad abitazione principale

Per verificare i reali vantaggi dei vari tipi di tasso d’interesse e ricevere maggiori informazioni sulle agevolazioni fiscali per gli acquirenti della prima casa, puoi comunque contattare i nostri consulenti online o al nostro numero verde 800 391 822 per richiedere direttamente informazioni e assistenza.