Questo sito non utilizza cookie propri di profilazione ma utilizza cookie di terze parti (altri siti). Se vuoi saperne di più clicca qui.
Se prosegui cliccando sul bottone continua acconsenti all’uso dei cookie.

Continua
Guida ai mutui online

Una guida adatta anche ai meno esperti per orientarsi nel mondo dei mutui e della casa

L’Euribor

L’indice applicato ai mutui a tasso variabile

L’Euribor (Euro Inter Bank Offered Rate), è il parametro più conosciuto del costo del denaro.

Periodicamente i media ne parlano, enfatizzando la sua crescita o il suo calo, ma di cosa si tratta realmente?

L’Euribor è un parametro, utilizzato in ambito interbancario, e rappresenta il costo medio del denaro scambiato tra le principali banche europee.

Questo parametro, introdotto sin dalla costituzione della moneta unica in Europa, è stato dall’inizio utilizzato nei prestiti ipotecari insieme allo spread per indicizzare e calcolare la rata dei mutui a tasso variabile.

L’Euribor viene fissato giornalmente dalla European Banking Federation (EBF) che definisce il tasso di riferimento in base alla durata del prestito, che può variare da 1 mese ad 1 anno.

L’EBF non fornisce quindi una singola quotazione ma una serie di valori rapportati al periodo di riferimento.

In genere nei mutui viene utilizzato l’Euribor a scadenza 1, 3 e 6 mesi, a seconda del tipo di rateizzazione applicata.

Le variazioni dell’Euribor rappresentano perciò il reale andamento del costo del denaro, essendo un parametro costantemente aggiornato e determinato in base a valori oggettivi di scambio e non dettato a priori dalla Banca Centrale Europea.