Questo sito non utilizza cookie propri di profilazione ma utilizza cookie di terze parti (altri siti). Se vuoi saperne di più clicca qui.
Se prosegui cliccando sul bottone continua acconsenti all’uso dei cookie.

Continua
Guida ai mutui online

Una guida adatta anche ai meno esperti per orientarsi nel mondo dei mutui e della casa

La quota capitale della rata di mutuo

Il rimborso del prestito avviene in rate periodiche costituite da una quota capitale e una quota interessi

E’ bene partire da un presupposto fondamentale: il capitale è l’importo finanziato dalla banca ed è immutabile per tutta la durata del mutuo e allo stesso debbono essere sommati gli interessi i quali, espressi in percentuale, rappresentano una sorta di corrispettivo che viene versato alla banca quale profitto per l’aver prestato la somma di denaro (sarebbe un’utopia pensare che la banca presti dei soldi senza trarne un vantaggio).

Il versamento della rata del mutuo è finalizzato al rimborso periodico del prestito, mediante il quale il mutuatario estingue il proprio debito nei confronti dell’istituto bancario mutuante e contestualmente provvede a pagarne gli interessi.

La rata del mutuo comprende quindi una quota di capitale (per il rimborso del mutuo) che andrà gradualmente a ridurre il debito contratto fino ad azzerarlo nell’arco temporale stabilito nel contratto di mutuo.

Esistono tuttavia anche i mutui a rimborso libero dove solo alcune rate prestabilite contengono la quota capitale, fatta salva la possibilità del mutuatario di scegliere con quali rate rimborsarla anticipatamente.

La quota capitale, pertanto, rappresenta l’imputazione periodica nella rata di mutuo del capitale erogato dalla banca espunto degli interessi.

La quota interessi della rata di mutuo

Il pagamento degli interessi del mutuo avviene attraverso il pagamento della rata di rimborso.

Come detto in precedenza, gli interessi rappresentano il compenso attribuito alla banca per il prestito di una determinata somma di denaro, definita capitale mutuato.

Questo compenso viene corrisposto alla banca in base a quanto stabilito nel contratto di mutuo sottoscritto tra mutuante e mutuatario, in genere è previsto il pagamento a cadenza mensile, trimestrale o semestrale degli interessi maturati sul prestito, da calcolarsi utilizzando i parametri previsti nel contratto, mediante il versamento di rate periodiche posticipate.

Tali rate possono, a seconda del tipo di mutuo scelto, contenere sia una quota di interessi che una quota di capitale.
La quota interessi, quindi, rappresenta l’imputazione periodica nella rata di mutuo degli interessi maturati nel periodo di riferimento.
Il piano di ammortamento del mutuo riporta  l’indicazione, per ogni rata del mutuo, di quale sia la quota di capitale e quali gli interessi, nell’ipotesi del tasso fisso.

Nel caso di mutui a tasso variabile la quota degli interessi potrà variare in aumento o in diminuzione al variare del tasso di riferimento (Euribor o BCE)