Questo sito non utilizza cookie propri di profilazione ma utilizza cookie di terze parti (altri siti). Se vuoi saperne di più clicca qui.
Se prosegui cliccando sul bottone continua acconsenti all’uso dei cookie.

Continua
Guida ai mutui online

Una guida adatta anche ai meno esperti per orientarsi nel mondo dei mutui e della casa

Notaio e Rogito notarile

Il ruolo del Notaio nella concessione del mutuo

L’incarico al Notaio attiva tutto l’iter necessario per l’erogazione del mutuo.

L’incarico al notaio è l’inizio di questa nuova fase che porterà alla stipulazione del contratto di mutuo e quindi all’erogazione del prestito.

La figura del Notaio assume ora il ruolo principale, perché è il Notaio incaricato che, mediante i controlli che andrà a effettuare, attesterà all’istituto mutuante che la garanzia è adeguata allo scopo e che non vi sono impedimenti a che la successiva iscrizione dell’ipoteca risulti essere prima in grado e quindi possa tutelare il capitale impiegato dal rischio di insolvenze.

Il notaio prescelto, apprese le necessarie informazioni, provvederà alla redazione della  relazione preliminare notarile la quale consiste nella descrizione formale e dettagliata dell’immobile e l’accertamento mediante visure e verifiche presso la Conservatoria dei Registri Immobiliari della situazione inerente l’esistenza di eventuali di iscrizioni e trascrizioni pregiudizievoli sul bene posto a garanzia del mutuo.

Se la relazione notarile non presenta problematiche l’istituto di credito provvederà alla redazione ed invio al notaio di una bozza di contratto di mutuo, la cosiddetta minuta, ed acconsentirà alla stipulazione del medesimo.

L’incarico al notaio si sostanzia, quindi, nella designazione di un professionista il quale dovrà redigere l’atto formale nonché operare le necessarie verifiche necessarie a tutelare la banca.

Da quanto premesso è agevole comprendere come di fatto l’incarico al notaio ed il ruolo da quest’ultimo assunto è di rilevante importanza, tanto più che il codice civile espressamente prevede che debbono farsi per atto pubblico, fra i tanti, i contratti che trasferiscono la proprietà di beni immobili dove, per atto pubblico si intende, appunto, il documento redatto da un notaio o da altro pubblico ufficiale autorizzato ad attribuirgli pubblica fede.

L’incarico al notaio è, quindi, il primo passo che porterà alla stipula degli atti formali necessari all’erogazione della somma richiesta in prestito.