Questo sito non utilizza cookie propri di profilazione ma utilizza cookie di terze parti (altri siti). Se vuoi saperne di più clicca qui.
Se prosegui cliccando sul bottone continua acconsenti all’uso dei cookie.

Continua
Guida ai mutui online

Una guida adatta anche ai meno esperti per orientarsi nel mondo dei mutui e della casa

Le banche ordinarie

Ognuno di noi, chi più e chi meno, si è in diverse occasioni recato presso una banca con l’intento di soddisfare sicuramente esigenze diverse e, a volte, per l’ottenimento della disponibilità di somme di denaro così da riuscire a realizzare i più importanti progetti della propria vita.
E’ percepibile, tuttavia, come la banca abbia cambiato nel tempo struttura e funzione e come a volte appaia difficile comprenderne le attività ed il sistema di gestione.
Quanto premesso è la diretta conseguenza del mutamento normativo che ha subito il sistema bancario italiano.
Questo, infatti, dal 1936 al 1993 è stato interamente regolato dal R.D.L. n. 375 del 1936, il quale prevedeva una netta distinzione fra le aziende di credito, quelle cioè che raccoglievano il risparmio fra il pubblico, depositi a vista o a breve termine, in conto corrente o sotto qualsiasi forma e denominazione, e gli istituti di credito speciale che, invece, operavano la raccolta del risparmio e l’esercizio del credito a medio-lungo termine.

Il Testo Unico Bancario ha modificato l’intero sistema (D.lgs. 1 settembre 1993 n. 385 e successive modifiche e integrazioni) dando vita al fenomeno della c.d. “despecializzazione” il quale ha determinato l’eliminazione delle restrizioni che limitavano l’esercizio dell’attività bancaria e della distinzione delle aziende di credito fondata sulla forma e categoria giuridica di appartenenza.
La banca ordinaria oggi, nel nostro ordinamento, è un ente creditizio che non solo può raccogliere risparmio ed erogare credito a breve, medio o lungo termine, ma può anche operare in tutti i settori del mercato finanziario. Così sotto il profilo operativo la banca ordinaria coincide oggi con il concetto di banca universale e cioè quel soggetto il quale esercita sia l’attività bancaria che ogni altra attività finanziaria.
Si tratta, di fatto, di una vasta gamma di operazioni finanziarie e di servizi offerti, tra le quali: leasing, servizi di pagamento, emissione e la gestione di carte di credito, locazione di cassette di sicurezza, servizi di consulenza alle imprese, attività di gestione finanziaria ecc..

Quanto premesso è una delle principali cause che hanno generato il fenomeno al quale, oggi, assistiamo che potremmo definire come di “inasprimento della concorrenza” nel sistema bancario.
Si consideri, inoltre, che è altresì venuto meno il previgente monopolio esercitato dalla Banca d’Italia, la quale discrezionalmente decideva o meno se conferire ad un ente creditizio lo “status” di banca.

Nell’odierno assetto economico-legislativo, coadiuvato dal più generale principio di vigilanza sul sistema bancario nazionale finalizzato alla realizzazione di un mercato unico europeo, il principio della concorrenza nel sistema bancario si è uniformato a quello di qualsiasi altro tassello che compone l’intera struttura dell’economia.