Questo sito non utilizza cookie propri di profilazione ma utilizza cookie di terze parti (altri siti). Se vuoi saperne di più clicca qui.
Se prosegui cliccando sul bottone continua acconsenti all’uso dei cookie.

Continua
Guida ai mutui online

Una guida adatta anche ai meno esperti per orientarsi nel mondo dei mutui e della casa

Il consolidamento dell’ipoteca nei mutui fondiari

L’ipoteca è una forma reale di garanzia per la banca, ma da quando questa garanzia diviene davvero efficace? Vi sono dai casi in cui l’ipoteca è inefficace?

Nel caso dei mutui fondiari l’erogazione avviene solo dopo il consolidamento dell’ipoteca, cioè dopo 10 giorni dalla sua iscrizione, qual è il motivo?

L’Art. 39 del Testo Unico Bancario stabilisce che le ipoteche iscritte a garanzia dei prestiti e mutui non possono essere assoggettate a revocatoria fallimentare quando sono iscritte 10 giorni prima dalla pubblicazione di sentenza di fallimento.

Il che significa che, nel caso l’acquirente fosse un cosiddetto ‘soggetto fallibile‘ la banca per avere la certezza della sua garanzia deve attendere 10 giorni dalla data di iscrizione per poter verificare se l’ipoteca è davvero efficace.

Per questo motivo il Notaio, nella funzione di pubblico ufficiale, provvede all’iscrizione e trascorsi i 10 giorni, dopo aver verificato che non sussistono iscrizioni o trascrizioni di grado precedente che possono compromettere la garanzia, con una relazione alla banca attesta che l’ipoteca è prima in grado ed è consolidata.