Questo sito non utilizza cookie propri di profilazione ma utilizza cookie di terze parti (altri siti). Se vuoi saperne di più clicca qui.
Se prosegui cliccando sul bottone continua acconsenti all’uso dei cookie.

Continua
Guida ai mutui online

Una guida adatta anche ai meno esperti per orientarsi nel mondo dei mutui e della casa

L’erogazione differita del mutuo

Un tempo l’erogazione differita era la regola, oggi non più

L’erogazione del mutuo può avvenire con modalità differenti a seconda delle soggettive scelte operate dall’istituto di credito, delle caratteristiche e tipologie del mutuo richiesto e dello stato dell’immobile offerto a garanzia.

Nell’ipotesi di erogazione contestuale la banca provvederà a mettere a disposizione del mutuante la somma pattuita nel contratto di mutuo al momento della sottoscrizione dello stesso.

Accade, in alcuni casi, che la banca non acconsenta all’erogazione contestuale in quanto richiede l’espletamento delle necessarie formalità relative all’iscrizione a al consolidamento dell’ipoteca.
Solo dopo il consolidamento dell’ipoteca, infatti, questa diviene a tutti gli effetti idonea a fornire all’istituto mutuante la garanzia necessaria all’erogazione.

Esistono il caso in cui la banca decide di attendere il consolidamento dell’ipoteca e quindi opta per procede all’erogazione differita del mutuo casa; questo può avvenire per motivi legati alla tipologia del mutuo (mutui fondiari, mutui a stato avanzamento lavori, mutui edilizi) o alle caratteristiche del soggetto titolare della proprietà del bene offerto in garanzia (a titolo di esempio una società che, in quanto soggetto fallibile, può essere sottoposta ad azione revocatoria).

Nei casi di erogazione differita del mutuo, il prestito verrà messo a disposizione del mutuatario solo successivamente al consolidamento dell’ipoteca e all’avverarsi di determinate condizioni concordate nel contratto di mutuo, mediante accredito diretto su un determinato conto corrente o a mezzo di ordine di bonifico irrevocabile.