Questo sito non utilizza cookie propri di profilazione ma utilizza cookie di terze parti (altri siti). Se vuoi saperne di più clicca qui.
Se prosegui cliccando sul bottone continua acconsenti all’uso dei cookie.

Continua
Guida ai mutui online

Una guida adatta anche ai meno esperti per orientarsi nel mondo dei mutui e della casa

Il notaio

L’importanza del notaio nel rogito per il mutuo casa

Una volta che l’istituto bancario ha deliberato il mutuo ed è stata esperita con esito positivo la perizia, viene affidato l’incarico al Notaio di provvedere alla stipula del contratto di mutuo, atto formale con il quale, finalmente, la banca si impegna ad erogare la somma richiesta ed il mutuatario a restituirla secondo le modalità pattuite.

Le funzioni svolte dal notaio trovano fondamento nella normativa vigente nel nostro ordinamento, bisogna, tuttavia, perlomeno sotto il profilo concettuale, comprendere che il contratto di mutuo non necessita della forma scritta per atto pubblico se non nel caso in cui la somma mutuata venga garantita da iscrizione ipotecaria.

Orbene, la funzione del notaio nell’atto di mutuo è quella di accertare che l’immobile oggetto di garanzia sia libero da eventuali formalità pregiudizievoli e, inoltre, consentire l’iscrizione dell’ipoteca così garantendo alla banca mutuante l’espletamento delle necessarie formalità affinché la garanzia concessa dal mutuatario sia efficace.

Quindi la prima azione del Notaio è quella di fornire alla banca mutuante la relazione notarile preliminare, un documento con il quale, dopo aver eseguito le opportune verifiche presso l’Agenzia del Territorio, il Notaio identifica, in base alle risultanze catastali, con precisione i beni posti a garanzia del mutuo e sui quali sarà iscritta l’ipoteca a favore della banca e attesta l’esistenza o meno di iscrizioni e trascrizioni gravanti sugli stessi beni.

La banca, una volta ricevuta la relazione notarile preliminare e verificato che nulla osta al rilascio del mutuo, invia al Notaio la ‘minuta’ dell’atto di mutuo, contenente tutte le pattuizioni che andranno a regolamentare il rapporto tra mutuante e mutuatario.

A questo punto il Notaio può fissare con le parti la data dell’atto di mutuo, che potrà essere stipulato sia presso lo studio del notaio stesso che presso i locali della banca erogante, e una volta sottoscritto il contratto di mutuo il notaio potrà procedere all’iscrizione dell’ipoteca sul bene messo a garanzia.

L’erogazione del mutuo avverrà secondo quanto previsto nel contratto.

Per ulteriori informazioni sul ruolo del Notaio e sulle modalità accesso al mutuo contatta i consulenti Mutuicom.