Questo sito non utilizza cookie propri di profilazione ma utilizza cookie di terze parti (altri siti). Se vuoi saperne di più clicca qui.
Se prosegui cliccando sul bottone continua acconsenti all’uso dei cookie.

Continua
Guida ai mutui online

Una guida adatta anche ai meno esperti per orientarsi nel mondo dei mutui e della casa

Le spese di istruttoria

A quanto ammontano per l’acquisto prima casa

Quando si chiede un mutuo è sempre bene tenere in considerazione che l’istruttoria che l’istituto mutuante dovrà eseguire per arrivare alla delibera e alla successiva erogazione del mutuo ha un costo, che rientra nelle spese di istruttoria.

Nel corso dell’istruttoria la banca verifica la situazione patrimoniale e reddituale del mutuatario, al fine di determinare la capacità di rimborso del cliente finanziato e giungere, quindi, alla delibera del mutuo.

Le spese di istruttoria possono variare a seconda dell’istituto di credito e del tipo di mutuo richiesto e possono essere determinate in misura fissa ovvero possono essere espresse in percentuale dell’importo di mutuo.
Va da sé che in quest’ultimo caso le spese aumentano proporzionalmente all’aumentare della somma richiesta con il mutuo.

In ogni caso il costo viene solitamente detratto dalla somma finanziata al momento dell'erogazione e quindi il mutuatario incasserà l’importo di mutuo al netto delle spese.

Si badi, inoltre, che di fatto rientra nel novero delle spese d’istruttoria anche il costo della perizia:
abbiamo visto che la banca richiede a garanzia della somma concessa con il mutuo il rilascio di una garanzia ipotecaria sull’immobile, quest’ultimo sarà oggetto di perizia da parte di un tecnico nominato dalla banca il quale dovrà determinarne il valore commerciale.

Naturalmente anche il costo della perizia dovrà essere sopportato dal cliente ed il suo ammontare può essere determinato in misura fissa (per esempio: euro 300) ovvero variabile in base al valore della perizia (per esempio euro 300 per immobile del valore sino ad euro 200.000, euro 500 per un immobile del valore sino ad euro  500.000 ecc.). non viene solitamente corrisposto alla banca ma direttamente al perito incaricato.

Lo scopo della perizia, pertanto, è quello di garantire alla banca la corretta iscrizione ipotecaria, la libera commerciabilità dell’immobile e la sua idoneità a garantire la somma erogata.

Se delle volte, d’altro canto, accade di pensare alla perizia come un costo aggiuntivo ed inutile è bene, in verità, tenere in considerazione come tramite detto strumento non viene tutelato solo l’istituto di credito ma anche lo stesso mutuatario: una perizia espletata da un tecnico abilitato e, come tale, responsabile delle dichiarazioni rese, consente all’acquirente dell’immobile di avere un obbiettiva valutazione di quanto acquista.