Questo sito non utilizza cookie propri di profilazione ma utilizza cookie di terze parti (altri siti). Se vuoi saperne di più clicca qui.
Se prosegui cliccando sul bottone continua acconsenti all’uso dei cookie.

Continua
Guida ai mutui online

Una guida adatta anche ai meno esperti per orientarsi nel mondo dei mutui e della casa

Cos’è il contratto di mutuo

La stipula del contratto di mutuo: come è regolamentata erogazione e rimborso del prestito

Il contratto di mutuo è un contratto che regolamenta il rapporto tra mutuatario e mutuante in ordine al prestito concesso, alle modalità di restituzione, alla quantificazione degli interessi, delle spese, delle possibilità e modalità di risoluzione del contratto sia nel caso di rimborso che nell’eventuale ipotesi di in adempienza.

In primo luogo, a prescindere dal profilo nozionistico, è bene, ogni qualvolta si chiede un prestito, soffermarsi sul contratto che ci si accinge a sottoscrivere e, in particolare, prestare attenzione al tipo di obbligazioni che si dovranno assumere.

Grazie, infatti, ai più recenti interventi legislativi in ambito di trasparenza e posti a tutela dei consumatori, il cliente ha diritto di ottenere, per esempio, i fogli informativi relativi al prodotto bancario offerto nonché copia del contratto antecedentemente alla sua stipula ( informativa precontrattuale).

E’ evidente, dunque, che ognuno di noi ha gli strumenti per tutelarsi anticipatamente atteso che è possibile prendere visione del contratto di mutuo per conoscerne il contenuto.

E’ altrettanto vero, tuttavia, che per comprendere il testo di un contratto di mutuo è necessario conoscere, perlomeno, gli elementi normativi essenziali.

Il mutuo è disciplinato dagli artt. 1813 e seguenti del codice civile ed è “il contratto con il quale una parte consegna all’altra una determinata quantità di denaro o di altre cose fungibili, e l’altra si obbliga a restituire altrettante cose della stessa specie e qualità.”. 
Nel contratto di mutuo, pertanto, intervengono due soggetti fondamentali: colui il quale eroga la somma richiesta,  mutuante, e colui il quale la riceve e si impegna a restituirla nel tempo pattuito  mutuatario.

Il contratto di mutuo, tuttavia, presenta caratteristiche differenti in base al soggetto richiedente ed alle finalità per le quali si richiede il prestito. Fra i tanti: il mutuo fondiario, per esempio, è il contratto con il quale si stipula un contratto di mutuo per acquistare un immobile sul quale la banca iscriverà ipoteca a garanzia del proprio credito. Il mutuo edilizio, invece è il mutuo contratto dal costruttore per la realizzazione di uno o più immobili e, garantito da ipoteca di primo grado sull’immobile da costruire, si caratterizza per l’erogazione graduale della somma di denaro in concomitanza all’avanzamento dei lavori.

Da quanto premesso è agevole comprendere come non si possa individuare una nozione uniforme di contratto di mutuo atteso che la sua struttura presenta degli elementi variabili di caso in caso. Si pensi, per esempio, alla durata, alle modalità pattuite per il rimborso della somma prestata, alle finalità per le quali si richiede oppure al tasso d’interesse applicato.

E allora cos’è il contratto di mutuo? Di fatto, a prescindere dalle nozioni giuridiche, è un contratto con il quale la banca attribuisce ad un’altra una somma di denaro e, quest’ultima, si impegna a restituirla con le modalità pattuite. Il contratto di mutuo, dunque, è un contratto che viene confezionato dalle banche di volta in volta e viene integrato e rinvigorito da diverse clausole che soddisfano le esigenze delle parti.